Per gli amanti della poesia
 

A Maria G.

pecco 21 Nov 2015 04:29
Ci eravamo scritti
solo pochi giorni prima,
ma tu già sapevi.
Perché tu sapevi
cosa fosse la vita,
tu che l'avevi donata.
E sapevi, forse,
che era tempo d'andare
anche se non era giusto.
Non può essere giusto
sapendo chi eri, com'eri:
una persona autentica.
Una ragazza sensibile,
nata il mio stesso giorno,
col nome di mia sorella.
Ora che di te resterà,
con la vita che hai donato,
il tuo prezioso esempio,
io lo custodirò,
assieme ai nostri ricordi,
come in un tempio.
pgm 25 Nov 2015 01:11
Il 21/11/2015 04:29, pecco ha scritto:
> Ci eravamo scritti
> solo pochi giorni prima,
> ma tu già sapevi.
> Perché tu sapevi
> cosa fosse la vita,
> tu che l'avevi donata.
> E sapevi, forse,
> che era tempo d'andare
> anche se non era giusto.
> Non può essere giusto
> sapendo chi eri, com'eri:
> una persona autentica.
> Una ragazza sensibile,
> nata il mio stesso giorno,
> col nome di mia sorella.
> Ora che di te resterà,
> con la vita che hai donato,
> il tuo prezioso esempio,
> io lo custodirò,
> assieme ai nostri ricordi,
> come in un tempio.
>
mi sembra di sentire
che manca ritmo e rima

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Per gli amanti della poesia | Tutti i gruppi | it.arti.poesia | Notizie e discussioni poesia | Poesia Mobile | Servizio di consultazione news.